Lemon Curd

DSC_0793

 

 

Non amo fare marmellate

Ebbene sì, lo confesso. Sinceramente. E so anche perché: fare la marmellata è…. noioso! Ohh! Qualcuno doveva pur dirlo, no? Bisogna preparare meticolosamente la frutta, selezionare, sbucciare, spezzettare, filtrare (per le more, ad esempio, mooolto noioso!) e, nel  caso della mia marmellata preferita di arance, privare ogni singolo spicchio della pellicina. Un lavoro da certosini spesso non ripagato dal risultato ( tipo 1 kg di arance= resa due barattoli!!). Per non parlare della consistenza, che può spaziare dal liquido (niente risatine, succede davvero!) al solido-inspalmabile-praticamente-gomma! Insomma, non avendo un giardino pieno di frutti biologici che sarebbe un peccato mortale sprecare con conseguenti sensi di colpa, preferisco evitare. Coming out fatto.

Al contrario, fare la lemon curd dà molta soddisfazione. Certo non è una vera e propria marmellata, data la presenza di uova e burro, ma sicuramente qualcosa di più ricco ed originale. Oltre ad utilizzarla per farcire crostate o biscotti, come la marmellata si può conservare in barattolo, e regalarne uno agli amici riscuote sempre un clamoroso successo. Inoltre, chi ha un albero di limoni in giardino sicuramente mi ringrazierà per l’idea (perché anche il limoncello alla lunga stanca… )

 

DSC_0802-001

 

DSC_0787

 

DSC_0786

Lemon Curd

Di 13 gennaio, 2015

  • Tempo di preparazione : 60minuti
  • Tempo di cottura : 15/20minuti
  • Resa : 5-6 vasetti da 200 gr

Ingredienti

Istruzioni

Mettere il burro con lo zucchero in una ciotola a bagnomaria su fiamma medio-bassa, mescolando per amalgamare. Appena il composto è fuso, aggiungere le uova precedentemente sbattute, il succo filtrato dei limoni e qualche scorza (che andrà rimossa alla fine), la vanillina ed infine la maizena. Continuare a mescolare per evitare la formazione di grumi (il composto non deve bollire ma sobbollire), in un quarto d'ora circa la crema dovrebbe addensarsi.

Se si vuole conservare in barattolo, versare la crema appena tolta dal fuoco direttamente nei vasetti (precedentemente sterilizzati in acqua bollente ed ancora caldi), tappare serrando bene, capovolgere i vasetti sul piano di lavoro e lasciarli tutta la notte per far fuoriuscire l'aria e creare il sottovuoto. In questo modo si possono conservare per alcuni giorni. Una volta aperto un vasetto, è consigliabile conservarlo in frigo.